Pubblicazioni

Si tende a non scrivere più o a scrivere sempre di meno. E’ senza dubbio un limite
grave che impedisce di educare la mente all’ordine, alla logica, alle espressioni
corrette - Don Chino Pezzoli

Pubblicazioni

''Si tende a non scrivere più o a scrivere sempre di meno. E’ senza dubbio un limite
grave che impedisce di educare la mente all’ordine, alla logica, alle espressioni
corrette'' Don Chino Pezzoli

LA SPERANZA (2019)

“La speranza è la forza di un fiore o di una pianta di crescere, vivere e fiorire tra le crepe dell’asfalto, nonostante la grande avversità del terreno circostante. Quel fiore siamo noi e l’asfalto e il terreno avverso, sono le prove e gli ostacoli che la vita quotidianamente ci pone davanti. Che cosa ci insegna questo fiore? Che la vita è dura, ma noi lo siamo di più!”.

L‘autore si pone quindici domande e riserva altrettante risposte. Suggerisce di non spegnere il fiammifero che illumina il “buio” della nostra vita, d’ innaffiare ogni giorno il piccolo fiore della speranza che cresce spesso nella crepa del duro asfalto, a scorgere sempre accanto a noi “quel Dio che atterra e suscita, che affanna e che consola”.

(Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

SOLO L’AMORE VALE (2018)

“Non si può parlare di povertà senza avere l’esperienza con i poveri. Occorre voler fare qualcosa di vero per gli altri e farlo, è questa la sfida dell’amore. Di parole se ne dicono tante, ora è il tempo dei fatti: bisogna rilanciare la passione per il bene comune, la volontà di promuovere la persona umana in tutta la sua dignità e in ogni situazione in cui viene calpestata. L’amore verso i poveri vale se nasce dalla gratuità e dallo stupore che quello che abbiamo ricevuto gratuitamente, lo dobbiamo dare allo stesso modo”.

L’autore ci invita a entrare nella selva delle povertà e a starci. I poveri spesso sono solo motivo di discussioni, di parole di promesse che non servono se non fanno seguito a gesti di solidarietà e altruismo.
(Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

TRACCE DI MORALITA’ ( 2017 )

“Cari giovani lo stupore del creato e della bellezza dell’anima sono presenti in queste pagine. Leggetele, riflettete e assimilate ogni pensiero o proposta e siano poi il vostro stile di vita. Il tutto, è solo un piccolo lume che vi cedo per il vostro cammino. Cari giovani, camminante perle strade del mondo lasciando le vostre orme con quelle di Dio, il vostro cammino avrà senso e gioirete davvero. Ballate anche quando nessuno vi guarda, cantate anche se nessuno vi ascolta, vivete come se il paradiso fosse sulla terra”.

L’autore si rivolge ai giovani per suggerire una vita retta, morale che sappia scegliere il bene perché se il bene s’impone il male fallisce.
(Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

ALMENO LA FIDUCIA ( 2016 )

“Credere in se stessi e negli altri è sempre possibile! Esiste una regola di vita molto semplice, grazie alla quale possiamo affrontare successi e sconfitte uscendone comunque arricchiti: l’accettazione attiva di sé e degli altri. Avere fiducia o sfiducia in sé e degli altri è alla base della vita e della qualità della stessa. Quando pensiamo che tutto sia perso, è proprio quello il momento di ricominciare, raccogliere ciò che di buono ci siamo riusciti a creare e portalo con noi, il resto lascialo. Cos’è la fiducia?”

L’autore si appoggia a una gamma di racconti morali per accompagnarci alla scoperta di un gesto tanto dimenticato, quanto rivoluzionario: fidarsi di sé e del prossimo. (Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

PUOI CAMBIARE ( 2015 )

“La nostra vita, caro amico lettore, assomiglia a un foglio bianco. Ci sta davanti questo spazio bianco, vuole ricevere i capitoli della nostra piccola storia, sempre diversi, interessanti. Il tempo purtroppo passa e il foglio rimane bianco, senza alcun cambiamento. Il mio amico lettore forse penserà che questo foglio rimasto bianco, lo consegneremo al becchino come un foglio di carta straccia da cestinare. Non è così, questo foglio della vita va compilato e consegnato per il credente a Dio e per il non credente a se stesso prima di tirare le cuoia”.

Questo libro è stato scritto per tutti come stimolo a cambiare il modo di pensare e quindi d’agire. La sindrome della mummia purtroppo ci appartiene. (Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

IL DONO DELLA SENSIBILITA’ ( 2014 )

“Mi sono chiesto se sono una persona sensibile, che sa scendere nel profondo della propria anima per accogliere qualsiasi sentimento sia esso positivo che negativo. Se ho sempre gli occhi e le orecchie spalancate verso me stesso, gli altri, il creato. Spesso mi sento una persona “strana” perché so ancora emozionarmi per un tramonto, parlare con la mente attaccata al cuore, commuovermi di fronte alla sofferenza, entusiasmarmi dove c’è la gioia, stupirmi di un alba e un tramonto. Mi piace questa stranezza impastata con la mia vita come il lievito che la fa fermentare la pasta. L’autore propone un cuore di “carne e non di sasso”

Per creare relazioni empatiche foriere di legami umani veri e profondi.
(Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

LA CATENA DELLE DIPENDENZE ( 2013 )

“Non fa più notizia la dipendenza alle droghe, mentre la catena delle dipendenze è presente e lega sempre più la nostra esistenza come “esistenza drogata”. Pensiamo solo alla dipendenza dal cellulare, da internet, dallo shopping, dal cibo, dalle “slot-machine” che si trovano ormai in tutti i bar. Si può diventare dipendenti persino dal calcio, dalle serate in discoteca con gli amici o dai social network. L’autore con questo libro vuole far conoscere i tanti “virus” delle dipendenze e suggerire i rimedi. Non è facile essere ascoltati e lottare contro una mentalità sorretta dal consumismo.” 

Tutte le dipendenze, infatti, incrementano il Prodotto Lordo interno o PIL: perché allora fermarle? (Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

IL VIAGGIO DEI DESIDERI ( 2012 )

“Per andare avanti nella vita, è utile fare dei passi indietro, cioè prendere fiato per la rincorsa, permettere alla mente di riposare un attimo, fare, a volte, delle soste, tornare piccoli, per un momento, per rassicurarci. Lo fanno le persone intelligenti quando devono affrontare un nuovo lavoro, una stessa situazione. Tanti di noi non lo fanno. Accorciamo persino il tempo per il riposo. Riposare vuol dire darsi il tempo per riprendersi. Allora cosa si può fare? Lasciarsi travolgere da questo vortice, oppure rendere meravigliosamente importanti alcuni spazi da riservare ai desideri? Mettere le ali alla vostra fantasia? Credo proprio di sì”.

L’autore con questo libro ha voluto ricordare al lettore che educarci ai desideri è vivere. Sì, perché desiderare sempre è togliere dalla nostra mente la patina delle abitudini e sognare un futuro nuovo, possibile e migliore. (Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

CIME DI LIBERTA’ ( 2011 )

“La nostra mente perde la libertà in diversi modi: se ritorna facilmente sui vissuti passati negativi o positivi e vi rimane intrappolata; se dipende dalle immagini dei media, specie quelle traumatiche; se è irrazionale, perché le sue scelte sono così illogiche che nemmeno si accorge delle corde con cui si è legata; se è inibita, perché è schiava delle sue inibizioni; se è fragile, perché è troppo incline alla dipendenza; se è fobica, perché è schiava delle sue paure; se è dissoluta, perché non sa dominare le richieste del suo corpo; se è romantica, perché è schiava delle idee che dominano la sua vita; se è narcisistica, perché “deve” apparire. In queste trappole della libertà cadiamo un po’ tutti”.

Le “Cime di libertà”, un libro voluto da don Chino Pezzoli e dal giornalista Giuseppe Zois, vuole sostenere che la libertà è raggiungibile da chi ama la vita e cammina verso una meta o cima difficile, ma possibile. (Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

COME CANNE AL VENTO La fragile gioventù ( 2010 )

“Spesse volte mi sono posto una domanda: come prevenire la fragilità dei nostri ragazzi? È il problema che assilla migliaia di genitori ed educatori. Rendere i ragazzi forti, responsabili e artefici della loro vita è un compito difficile. I giovani di oggi sono intelligenti, comunicativi e sognano un futuro bello. Spesso però, nel loro pensiero, si accumulano immagini che facilitano attese chimeriche. Mancano della volontà necessaria per essere vincenti di fronte agli imprevisti, alle prove che troveranno lungo il loro sentiero. Sono come canne che il vento agita e schianta”.

Lo scrittore, non vuole apparire uno dei tanti pessimisti che entrano nella vita dei ragazzi per scoprirne limiti e cedimenti. E’ un prete, un educatore e desidera solamente fare di questo testo uno strumento di verifica leale, intelligente e diretta ai genitori, agli insegnanti e educatori. (Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

GENITORI AL TIMONE ( 2009 )

“È proprio nell’età giovanile che si sviluppano le qualità che sorreggono le scelte, gli ideali. Per crescere, i figli hanno bisogno di sfide, di difficoltà, insomma d’impegno. Non vogliatemi male: se i ragazzi non si mettono alla prova, se non si prospetta loro una vita impegnativa, anche nelle ore del loro tempo libero, rimarranno deboli, fragili”.

E’ un libro in cui l’autore consegna ai genitori il timone di questa difficile avventura educativa per traghettare i figli verso il futuro. Non impossibile però! Una domanda si fa: i genitori lo vogliono questo timone? La risposta la riserva ai genitori responsabili di questa meravigliosa avventura. (Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

DAL BRUCO ALLA FARFALLA ( 2008 )

“Viviamo in un’epoca in cui l’umanesimo cristiano si è “impallidito” in maniera preoccupante. I giovani di conseguenza, concepiscono il loro modo di essere persone alterando l’equilibrio psichico, disattendendo a qualsiasi regola o indicazione. Spesso si sentono dire: “Devi”! Questi imperativi l’infastidiscono, sono un limite alle loro “scelte responsabili”.

Un libro scritto da un sacerdote educatore: per i giovani che desiderano affrontare alcuni problemi e qualificare la vita; per i genitori appassionati e in attesa della crescita dei figli; per gli educatori, religiosi e laici, che vivono accanto ai giovani; per tutti i benpensanti che sognano una gioventù diversa, ma non muovono un dito. (Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

LUNGO IL MIO SENTIERO ( 2007 )

“Appartengo a una generazione in cui le nonne tiravano su l’acqua dal pozzo, lavavano i panni al fiume e li stendevano sull’aia, impastavano la farina e la cuocevano al forno, andavano in chiesa con il velo nero in testa e portavano vestiti che coprivano le caviglie. Sono rimasti nella mia mente volti, episodi, la vita dura dei nonni, della mamma e del papà, dei poveri che bussavano all’uscio di casa per chiedere un pezzo di pane. La mia “bisaccia del cuore fu preparata tra le mura domestiche”.

Da questo libro non aspettatevi chissà quali idee, concetti, proposte. Il tentativo dell’autore è quello di raccontare, partendo da lontano, fatti, incontri, ricordi che hanno dato senso alla sua vita. Noi siamo i nostri vissuti. (Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

PROGETTO TERAPEUTICO ( 2007 )

L’“Ipotesi educativa” è ripensata e riscritta tenendo presente i nuovi problemi delle dipendenze. “Il Progetto terapeutico”, elaborato da don Chino con gli operatori della Comunità presenta alcune tracce in cui sono indicate: proposte, trattamenti terapeutici dettate dalle esperienze vissute in Comunità e dagli studi che ci hanno accompagnato in questi anni di evoluzione del fenomeno delle dipendenze.

Lo studio del Progetto Terapeutico attento e scientifico, inoltre, ci ha permesso di modificare, completare, aggiornare alcuni contenuti e proposte perché fossero risposta ai bisogni reali dei soggetti compromessi dal poli-abuso di sostanze stupefacenti, alcoliche e psicotrope. (Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

FELICITÀ - UNA META POSSIBILE ( 2006 )

“Le persone felici sono meravigliose, seguono le indicazioni della mente e del cuore,compiono scelte coerenti e responsabili, apprezzano la propria e altrui esistenza, vivono le esperienze con entusiasmo, condividono con gli altri le gioie e le difficoltà, affrontano la sofferenza con serenità, amano e si lasciano amare, scoprono la vita di miracolo in miracolo”.

Un libro dedicato alla ricerca della felicità. L’autore afferma che tutti possiamo essere felici, se lo vogliamo. Basta conseguire un amore, un ideale, un progetto. Ogni attimo, pur fuggente, va vissuto per assicurare alla mente novità, cambiamento. Con questo libro l’autore vuole far capire al lettore che le persone felici scoprono la vita di miracolo in miracolo. (Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

UN RISCHIO CHIAMATO FAMIGLIA ( 2005 )

La famiglia è l’osservata speciale di questo libro, che traccia alcune vie percorribili con Vittorino Andreoli, Paolo Crepet, Andrea Muccioli, Maria Rita Parsi, Furio Ravera e Fulvio Scaparro. Tutto è accompagnato dall’esperienza di don Chino Pezzoli e di Giuseppe Zois. L’auspicio è quello di una famiglia capace di rimanere in ascolto, di una famiglia dove si respiri il bello di un’avventura straordinaria che è quella dell’educare. I primi artefici sono loro, i genitori, pur tra le difficoltà e gli scogli che devono superare per arrivare al traguardo. Una famiglia che sappia offrire ai propri figli esperienze vissute, ricchezze emotive, solidità di percorsi e un passaporto per la vita.

Il libro contiene un omaggio alle intuizioni educative di mons. Andrea Spada, storico direttore del quotidiano L’Eco di Bergamo e figura straordinaria nel panorama giornalistico italiano. (Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

IL FASCINO DELLA NORMALITA' ( 2004 )

“Il fascino della normalità è possibile, se le apparenze svaniscono e la mente sosta dinanzi alla propria coscienza per stupirsi delle esperienze normali vissute o che sta vivendo. Sono certo che ognuno di noi ha in sé una bellezza interiore immutabile, nonostante il male e le provocazioni. Il nostro compito di persone mature è quello di ridare a questo nostro “paradiso terrestre” che ha perso il fascino dell’innocenza, almeno quello della normalità”.

Con questo libro l’autore intende rovesciare dal “trono” le persone che pensano di contare per l’avere, il potere, il successo e anche il sapere, per dare visibilità alle persone semplici “come le colombe”, capaci di condurre una vita intrecciata di piccole scelte, quelle che contano. (Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

TUO FIGLIO NON È UN HOBBY ...educare è un impegno ( 2002 )

“Osservate vostro figlio: è il più bel dono che potete disporre. Mettere a servizio tutto il vostro amore e riempite il suo cuore con tanta tenerezza e intelligenza. La sua storia s’intreccia con la vostra per divenire un canto che riempie l’universo”.  

Questo libro nasce da un desiderio: far capire ai genitori che educare è faticoso. Questo compito importantissimo di trasmettere la passione della vita nel cuore dei piccoli, è affidato soprattutto ai genitori. Le domande e le risposte che si susseguono, intendono farci entrare nell’ineffabile mondo dell’infanzia e fanciullezza per piantare un seme di speranza che possa poi conoscere la sua primavera. (Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

VIVERE E CRESCERE INSIEME L'incanto dell'umano ( 2000 )

“Conoscersi sta alla base di qualsiasi rapporto o incontro. Non possiamo entrare in relazione con gli altri se non abbiamo una oggettiva conoscenza di noi stessi. Se conosciamo noi stessi ci è più facile conoscere gli altri. Conoscersi è avvicinarsi agli altri come compagni di questa difficile e stupenda avventura della vita”.

L’immagine ci affascina. In un’epoca contrassegnata da grandi cambiamenti, dove la tecnologia e la scienza fanno a gara per distruggere i valori etici e morali, l’autore ci invita a non lasciarci attrarre dall’oro che luccica: la vera bellezza, il vero tesoro, sono nella nostra anima. (Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

SVEGLIARE LA VITA Riflessioni per il nuovo millennio ( 1999 )

“Come un foglio di carta, così si presenta la vita di ogni giornata. Un foglio di carta tutto a nostra disposizione da riempire di storia, la nostra storia, fatta di piccole cose, cose normali, che ci riempiono e ci fanno cogliere il miracolo di scoprirsi vivi ogni giorno”.  

Centocinquanta brevi riflessioni sono contenute in questo libro. Trattano argomenti che passano da temi legati alla spiritualità a temi che riguardano le relazioni significative, i comportamenti legati alla fragilità umana. Ne esce la grande sensibilità religiosa e la comprensione umana dello scrittore e educatore. È il breviario quotidiano da leggere un po’ per volta, giorno per giorno. (Casa Editrice Fondazione Promozione Umana)

PER UNA VOLTA L'ANIMA Voglia di vivere ( 1998 )

Se crediamo nelle utopie possiamo essere parte di una entusiasmante rivoluzione: gettare semi di speranza che altri raccoglieranno poi come frutti. È questo un possibile ottimismo che è utile possedere.

L’autore dagli avvenimenti di cronaca quotidiana, riflette e comunica commenti lucidi e attenti, pietosi e all’occorrenza duri da vero testimone appassionato dell’umano. Settimana dopo settimana, mese dopo mese, la cronaca, quella “alta”, ufficiale, politica e quella più minuta, la “nera”, il delitto, il sasso dal cavalcavia, la morte su una panchina, ha fornito a don Chino motivi di riflessione, affidati alle pagine del quotidiano Il Giorno. (Casa Editrice Gribaudi)

NUOVA IPOTESI EDUCATIVA ( 1997 )

Don Chino Pezzoli elabora il suo progetto educativo su cui si basa la Comunità Terapeutica Promozione Umana. Il progetto educativo contiene una serie di principi che costituiscono il patrimonio etico e le linee guida per l’operatività quotidiana di tutti i componenti dell’Opera. “Ipotesi” perché le linee guida sono proposte ed esigono di essere verificate nei risultati.

Lo sforzo è quello di cogliere il senso vero e profondo di questa esperienza comunitaria per formulare dinamicamente un discorso sistematico e proporre alcune regole che sorreggono le scelte e il vivere quotidiano dei Centri. (Stampato in proprio)

L'ALBERO DAI FRUTTI BACATI ... educare è prevenire ( 1996 )

“… ho voluto scrivere questo libro per una promessa fatta a tutti i ragazzi e giovani che ho incontrato nel mio agire quotidiano in Comunità. Mi hanno chiesto più volte di far conoscere le loro crisi al mondo adulto. Credo con queste pagine, di soddisfare i loro desideri e le loro attese. Le molte domande e risposte che leggerete in questo libro non sono “farina del mio sacco” ma il risultato di esperienze vissute con i giovani alla ricerca del senso di sé, degli altri, di questo scorrere di giorni belli e brutti, facili e difficili”.

E’ il realismo la chiave di lettura dell’ “Albero”. Che non vuole essere un’ennesima “guida dei sogni”, un erudito compendio idealistico di ricette educative destinate a non reggere all’urto con la realtà vera e concreta. Le analisi portano alla vita vissuta, anzi, a una vita da vivere, in pienezza e felicità. (Casa Editrice Gribaudi)

OLTRE IL BUIO e regole della vita ( 1994 )

“… ho vissuto con voi tanti anni e ho raccolto nella memoria parole, episodi, attese, sofferenze che hanno ricevuto in queste pagine, ordine e forma. Ho voluto comunicare a voi, carissimi giovani che avete vissuto con me una parte della vostra vita il mio modo di intendere il senso della vita e alcune importanti sue regole”. Tutti possediamo la violenza del cuore per amare, la freschezza della mente per motivare, il respiro dell’anima per attendere, un giorno, un tempo significativo. Non è questo scorrere di giorni una sorte fatale che consegna la nostra vita al becchino, ma un capire che la vita va oltre il buio … In queste pagine ci sono le riflessioni sulle esperienze di un sacerdote e uomo, che quotidianamente, cerca di ricostruire nei giovani l’Io positivo smarrito o distrutto nelle ricerca di un effimera felicità.

Riflessioni rivolte ai giovani, ma che ai meno giovani che nella loro sicumera dimenticano frequentemente quanto sia utile nella vita di ogni giorno il confrontarsi con se stessi. (Casa Editrice Bignami)

INIZIO DI UNA RICERCA ( 1992 )

Nella confusione di tante affermazioni sulla droga, sui giovani emarginati, sulle responsabilità connesse ai fenomeni involutivi estesi e gravi, gli educatori impegnati nell’area giovanile esprimono un desiderio: prevenire questa “strage”, fermare questo “suicidio sociale”. La prevenzione alle droghe è la prima azione da inventare, è l’arte da intuire per neutralizzare una involuzione che interessa ognuno di noi. Il tossicodipendente, infatti, non è solo il risultato di alcuni sbagli possibili nel rapporto figli-genitori, ma chiama in causa l’impianto educativo della nostra società.

Questa modesta esposizione ha come intento di tracciare un sentiero nella selva delle proposte educative preventive. E’ solo una traccia, un inizio di ricerca, convinto che è meglio prevenire un disagio che poi doverlo curare. (Stampato in proprio)

Abbonamenti

Abbonamento ordinario:

6 numeri bimestrali a 26€

Abbonamento sostenitore:

6 numeri bimestrali + 2 numeri in omaggio a 50€

Abbonamento benemerito:

12 numeri bimestrali + una copia del nuovo libro di Don Chino Pezzoli in omaggio in offerta libera oltre 100€ numeri in omaggio a 50€

Infine è anche possibile abbonarsi alla rivista in formato digitale, al prezzo speciale di 15 euro.
In tal caso è essenziale comunicare il proprio indirizzo email a abbonamenti@promozioneumana.it per ricevere, il giorno stesso della chiusura in redazione, Promozione Umana formato Pdf.
Le modalità di sottoscrizione sono:
– Versamento su c/c postale n. 14009237 intestato a Fondazione Promozione e Solidarietà Umana specificando nella causale il tipo di abbonamento che s’intende sottoscrivere
-Bonifico bancario intestato a Fondazione Promozione e Solidarietà Umana utilizzando i seguenti IBAN:
Intesa San Paolo IT 89 B 03069 09606 100000066129 – BIC SWIFT: BCITITMM
Poste Italiane S.p.A. IT17W07601016000000144009237 – BIC SWIFT: BPIITRRXXX
Si consiglia ai Sigg. Sostenitori di inviare copia del pagamento al n. di fax +390298242147, oppure inviando una e-mail all’indirizzo di posta elettronica: abbonamenti@promozioneumana.it