Promozione Umana

X un sì alla vita

STRESS E DROGA

« back Notizie | Pensaci Su...

Strano a dirsi, ma un lavoratore su cinque usa la cocaina o altre sostanze eccitanti contro lo stress. Lo dicono le ricerche. La cocaina avrebbe conquistato una nuova fetta di mercato, diventando sempre più voluminoso come uso contro lo stress. Un fenomeno che coinvolge anche medici, cottimisti e idraulici, ma il fatto sconcertante e che è in crescita! Si drogano per alleviare lo stress durante le ore di lavoro per aumentare le prestazioni. Sono i nuovi schiavi della sniffata professionale. Questo dato è cresciuto in maniera esponenziale, ma le dimensioni del fenomeno sono difficili da quantificare.

Quali sono le categorie professionali più compromesse dalla cocaina?

Le stime ci mostrano che molte categorie di settore sono toccate da questo fenomeno. I muratori negli ultimi anni hanno registrato un consumo del 50% di cocaina, i chirurghi che lo assumono per far fronte a un intervento, gli idraulici che si affidano alla cosiddetta polvere bianca per sostenere i ritmi di lavoro. Come se non bastasse, la cocaina è assunta anche da altre tipologie di professionisti: imprenditori, manager, magistrati, politici, piloti, operai, avvocati, artigiani, autisti, poliziotti, elettricisti, imbianchini. Più il lavoro è stressante, più si percepisce la frequenza e presenza di questo fenomeno.  La cocaina, oltre ad essere un eccitante è anche un demolitore della fatica.

 Secondo alcune ricerche svolte, si rivolgono alla polvere bianca, uomini di età compresa tra i trentacinque e i cinquanta anni.

 L’età si è abbassata e alzata. Fumano o sniffano cocaina quattordicenni e cinquantenni. Per abbattere i costi della spesa, molti preferiscono la cocaina da fumare, meno cara, o per il crac. Negli ambienti lavorativi sono diffuse anche le anfetamine, che tengono svegli e fanno passare la fame. Il doping della polvere bianca costa dai settanta ai cento euro il grammo. Oggi quello che va per la maggiore sono le mini-dosi, da mezzo grammo. Lo spacciatore le offre a un prezzo che va dai quindici ai trenta euro, secondo la piazza. La coca promette molto a tutti i livelli, dicono gli esperti, ma poi presenta sempre il conto. E non è solo quello economico.

 E’ possibile gestire lo stress senza le droghe?

Penso che siamo arrivati al culmine della situazione! Molte persone non sanno che lo stress è gestibile senza l’aiuto delle sostanze nocive per il corpo. Se una persona ha cura della propria salute, vuol bene ai suoi famigliari, vuole svolgere con precisione il suo lavoro, trova altri modi per vincere lo stress da lavoro. Come?  Allentando i ritmi lavorativi, “staccando la spina” quando i problemi diventano assillanti, non accumulare emozioni negative, cercare di vivere in ambienti distesi, sereni, riservarsi momenti di allegria. La droga non cura lo stress, lo accresce solamente.