Promozione Umana

X un sì alla vita

La pigrizia nei figli

« back Notizie | Pensaci Su...

PIGRIZIA NEI FIGLI

Per fomentare nei nostri figli la forza di volontà possiamo iniziare considerando una serie di criteri generali per vivere lo sforzo in famiglia:   
  • dare il buon esempio: ha una grande importanza per i ragazzi, soprattutto quello dei genitori che suggeriscono ai figli ciò che fanno. Le sole parole e raccomandazioni sono insufficienti a stimolare i figli alle scelte importanti. L’esempio, invece, se precede le parole conta. Il vecchio detto “parla bene e razzola male”, ci avverte di non porci davanti ai figli senza il bagaglio della testimonianza;    
  •  fornire valide motivazioni: i ragazzi hanno bisogno di validi motivi per cui valga la pena di sforzarsi e, quando è necessario, andare contro i propri gusti. A questa età, è necessario che i genitori esigano dai figli, propongano mete a corto raggio, concrete, quotidiane, facilmente verificabili, come ad esempio mettersi a studiare ad un’ora fissa, lasciare i vestiti in ordine, preparare la sera ciò che serve per il giorno dopo e sempre finire ciò che si comincia.     
  • presentare lo necessario: le cose che si propongono ai figli comporteranno un certo sforzo, naturalmente secondo le possibilità di ognuno dei propri figli, ma con una difficoltà graduale e progressiva. E’ importante che imparino a guadagnare ciò che vogliono, raggiungere mete difficili da soli, grazie al proprio sforzo, li farà sentire utili, contenti e sicuri.     stimolarli ad imparare dagli errori: spesso anche il mancato raggiungimento della meta potrà risultare efficace nello stimolare la crescita di una volontà sempre più forte. Un buon mezzo per rafforzare la volontà consiste nel seguire una disciplina in ogni ambito della vita dei nostri figli: a casa, a scuola e nelle attività extrascolastiche. Per questo sono molto importanti gli sport e i giochi, dove si dovranno osservare delle regole elementari come rispettare gli orari di allenamento, obbedire all’allenatore, avere cura del materiale sportivo, giocare anche se piove o se l’altra squadra sembra migliore.     
In ogni circostanza però bisogna tenere conto del modo di essere, dell’età e delle possibilità di ogni figlio, rispettandone la personalità e coniugando un’esigenza ferma con l’affetto e la comprensione. Per combattere la pigrizia inoltre bisogna essere attenti ad orientare i nostri figli verso le attività necessarie, non solo verso quelle che sembrano essere più divertenti o che piacciono di più. Ricordiamoci inoltre che la forza di volontà si forgia in famiglia compiendo tutti abitualmente ciò che c’è da fare, anche se non piace.