Promozione Umana

X un sì alla vita

I GRANDI MAESTRI DELL’UMANITA’ – Giotto Bondone

« back Notizie | L'opinione di Don Chino

GIOTTO

Giotto è considerato l'artista che ha rinnovato la pittura italiana, così come Dante, suo contemporaneo, è ritenuto il 'padre' della lingua italiana. La gloria di Giotto è affidata a opere sparse in quasi tutta la penisola, da Roma a Firenze, da Assisi a Rimini fino a Padova. 

La leggenda più nota fiorita intorno a Giotto di Bondone (nato a Colle di Vespignano nel Mugello probabilmente nel 1267) è quella che narra il suo incontro con l'artista Cimabue. Quest'ultimo avrebbe osservato il giovane pastore Giotto mentre disegnava su una roccia una pecorella del suo gregge con tanta abilità da convincerlo a portare il giovane nella sua bottega. 

A partire dagli anni Novanta del 13° secolo, con probabilità dal 1296, Giotto venne chiamato a realizzare l'opera destinata a dargli fama eterna: gli affreschi della basilica superiore di Assisi con le Storie di san Francesco. Il ciclo pittorico, che già destava meraviglia nei fedeli dell'epoca, è diviso in 28 riquadri, che descrivono la vita di Francesco d'Assisi dalla giovinezza alla morte, alternando gli episodi ufficiali a quelli cari alla leggenda popolare. 

L’artista toscano nella sua pittura abbandona le immagini fisse, gli ori abbondanti e le astrazioni recuperando il contatto con le persone e la natura. Giotto costruisce un racconto pittorico con una rigorosa prospettiva delle architetture, come ben si vede nell'episodio del Presepe di Greccio, in questo spazio i personaggi si inseriscono con equilibrio e in coerente rapporto con l'ambiente che li circonda. 

Le  figure di Giotto presentano una delle sue novità più importanti: i personaggi non sono più i 'burattini' immateriali e le figure piatte della tradizione precedente, ma persone concrete, reali, come si vede dalle pieghe morbide e naturali degli abiti sotto cui si trovano i corpi saldamente esistenti. 

Interessante è la scena del dipinto della rinuncia agli averi del Poverello d’Assisi in cui è raffigurata l'ira di Bernardone, padre di Francesco, alla vista della stravagante decisione del figlio di restituire tutte le sue ricchezze e scegliere la povertà. Qui i contemporanei di Giotto, oltre ad apprezzare la verosimile posa di Bernardone e lo straordinario studio anatomico del corpo del santo, potevano riconoscere la piazza del Vescovado, realmente esistente ad Assisi. 

Quando si parla di Giotto da Bondone, le prime opere che vengono citate sono la rappresentazione della vita di San Francesco nella basilica di Assisi, gli affreschi nella Cappella degli Scrovegni a Padova o il Crocefisso nella chiesa di Santa Maria Novella a Firenze. In effetti, chi vuole conoscere Giotto “deve” recarsi in questi luoghi e certo non ne resterà deluso. 

L'ultima opera superstite della grande attività dell'artista riguarda però l'architettura: nel 1334 infatti la Repubblica fiorentina gli aveva conferito la carica di capomastro dell'Opera del Duomo; Giotto progettò così uno degli edifici più cari ai fiorentini, il celebre campanile del Duomo, di cui gettò le fondamenta e diresse personalmente i lavori.  Morì a Firenze nel 1337.