Promozione Umana

X un sì alla vita

I GRANDI MAESTRI DELL’UMANITA’ - Swami Kriyananda

« back Notizie | L'opinione di Don Chino

Swami Kriyananda

Swami Kriyananda, nato in Romania nel 1926 da genitori americani, ha studiato in Svizzera, in Inghilterra e successivamente in America, al Haverford College e alla Brown University. 

Discepolo di Paramhansa Yogananda, ha diffuso gli insegnamenti del Maestro, mostrandone l'applicazione in ogni ambito dell'esistenza: gli affari, i rapporti con gli altri, il matrimonio, l'arte, l'educazione, la vita comunitaria. 

Su precisa richiesta del suo Guru ha dedicato la sua vita all'insegnamento e alla scrittura, aiutando un grandissimo numero di persone a sperimentare interiormente la gioia e la presenza vivente di Dio. 

Autore di quasi 150 libri, pubblicati in ventotto lingue in novanta Paesi, ha tenuto conferenze in quattro continenti e ha composto più di quattrocento brani musicali, per ispirare negli altri una visione elevata dell’esistenza. 

Kriyananda è stato anche il fondatore delle otto comunità Ananda - negli Stati Uniti, in Italia e in India - vere e proprie "Città di Luce" basate sulla pratica quotidiana della pace interiore e su elevati ideali di tolleranza, solidarietà e fratellanza cosmopolita: un esempio concreto di "ponte" multietnico e pluriculturale, oltre le anacronistiche barriere ideologiche, religiose e razziali. 

Nel novembre 2009 Swami Kriyananda ha fondato il nuovo ordine monastico di Nayaswami, che indossano l'abito blu. 

Swami Kriyananda è morto all'età di 86 anni il 21 aprile 2013 ad Ananda Assisi. La sua Luce e il suo messaggio di pace e amore continueranno sempre a risplendere e a ispirare moltissime anime, ovunque. 

“L'auto-accettazione viene dall'affrontare con vigore le sfide della vita. Le sfide e le difficoltà non devono renderti insensibile, e nemmeno farti costruire muri mentali per escludere il dolore dalla tua vita. Tu troverai la serenità non cercando di sfuggire ai tuoi problemi, ma affrontandoli coraggiosamente. Tu troverai la pace non nel rifiuto, ma nella vittoria.” 
(Swami Kriyananda)