Promozione Umana

X un sì alla vita

Natale, servono gesti di bontà

« back Notizie | Pensaci Su...

NATALE GESTI DI BONTA

Natale, è un momento di gioia, di doni, ma spesso di consumo superfluo di chi ha già tanto. Un regalo che aiuti chi è povero può arricchirci di un contenuto speciale e prezioso. Un regalo, quando è anche un gesto d’aiuto, rende felice più di una persona: chi lo riceve e chi lo fa.  

Come afferma James Joyce: “Mentre tu hai una cosa, questa può esserti tolta. Ma quando tu la dai, ecco, l’hai data. Nessun ladro te la può rubare. E allora è tua per sempre.” C’è chi festeggia perché è felice, perché sta bene, perché la vita gli sorride. C’è chi invece può trovarsi in situazioni difficili, per malattia, povertà,  abbandono. Può essere vicino a noi o in posti dove  i  diritti umani sono calpestati. Basterebbero i tanti bambini seppelliti in mare per farci sospendere il mercato degli auguri. 

Natale, è il momento di dare senso alle nostre scelte e propositi. In  fondo, a chi ha bisogno, non interessa sapere se e quanto siamo buoni. Forse neppure esistono le persone buone! Ciò che conta è vedere persone che compiono atti di bontà. 

Più di tante frasi vuote, ci vogliono gesti concreti di solidarietà, che smentiscano la simpatica frase sarcastica di Marcello Marchesi: “Nessuno si è mai ammazzato perché non riusciva ad amare il prossimo suo come sé stesso!” 

Scrivere o dire che i poveri ci fanno pena, è facile, ormai ci siamo abituati a vedere sul piccolo schermo televisivo  bambini che muoiono di fame e tantissime persone disperate in balia di un gommone o che passano la notte dentro un cartone o avvolte in una coperta.  Le parole inutili abbondano, i gesti di solidarietà scarseggiano.   

Giovanni Verga ci suggerisce  di “fare come le tegole del tetto, a darsi l’acqua l’un l’altro. Proviamo a immaginarci tutti tegole di uno stesso tetto. E capiremo che “aridità” e “siccità” non sono soltanto fenomeni climatici. Il Natale è anche il ricordo di  una donna che diede alla luce un bambino, lo avvolse in fasce e lo  pose in una mangiatoia perché per loro non c’era posto…