Promozione Umana

X un sì alla vita

“Il terrorismo si alimenta con la paura”

« back Notizie | Pensaci Su...

papa francesco in kenya

Nel suo primo discorso, alla vigilia della conferenza sul clima di Parigi del 29 novembre, Francesco riprende i contenuti dell’enciclica Laudato si’: “La grave crisi ambientale che ci sta dinnanzi esige una sempre maggiore sensibilità nei riguardi del rapporto tra gli esseri umani e la natura. Noi abbiamo una responsabilità nel trasmettere la bellezza della natura nella sua integrità alle future generazioni e abbiamo il dovere di amministrare in modo giusto i doni che abbiamo ricevuto”.  

Il papa scandisce inoltre i valori che “devono ispirare gli sforzi dei governanti a promuovere modelli responsabili di sviluppo economico”. La bellezza della natura e la responsabilità di custodirla, la povertà e le guerre, tutto è presente nelle partole di papa Francesco: “Vi è un chiaro legame tra la protezione della natura e l’edificazione di un ordine sociale giusto ed equo. Non vi può essere un rinnovamento del nostro rapporto con la natura senza un rinnovamento dell’umanità stessa”. 

Il papa ribadisce con forza che “fintanto che le nostre società sperimenteranno le divisioni, siano esse etniche, religiose o economiche, tutti gli uomini e le donne di buona volontà sono chiamati a operare per la riconciliazione e la pace, per il perdono e per la guarigione dei cuori”. E precisa: “Nell’opera di costruzione di un solido ordine democratico, di rafforzamento della coesione e dell’integrazione, della tolleranza e del rispetto per gli altri, il perseguimento del bene comune dev’essere un obiettivo primario”.   

Papa Francesco si rivolge soprattutto ai politici: “Vi incoraggio ad operare con integrità e trasparenza per il bene comune e a promuovere uno spirito di solidarietà a ogni livello della società. Vi chiedo, in particolare, di mostrare una genuina preoccupazione per i bisogni dei poveri, per le aspirazioni dei giovani e per una giusta distribuzione delle risorse umane e naturali con le quali il Creatore ha benedetto il vostro Paese”.