Promozione Umana

X un sì alla vita

“SINDROME DELLO SGUARDO BASSO”

« back Notizie | Pensaci Su...

sguardo basso

Michele Serra dopo Gli sdraiati ha pubblicato ultimamente un altro romanzo: “Ognuno Potrebbe”. Sembra voler continuare il tema delle persone “ferme”, appesantite dalla noia, senza senso. Parla di un mondo dove le persone che incontri, quando cammini per strada, ti vengono addosso perché soffrono della «sindrome dello sguardo basso», la stessa sindrome che impedisce alle coppie di parlarsi e di guardarsi negli occhi. 

Un mondo particolare dove si pensa poco e che tutti parlano per sentito dire, anche se nessuno ti ascolta. Un mondo dove la parola “io” viene prima di tutto. Giulio, il protagonista del romanzo, è un antropologo trentaseienne che vive ancora con la madre, che fa un lavoro precario e lo mantiene. Insieme al suo amico Ricky s’immedesima nei calciatori per foraggiare il suo narcisismo. 

La fidanzata di Giulio, Agnese, è una di quelle che soffrono della “sindrome dello sguardo basso”. Quando è in compagnia di Giulio guarda spesso il telefono, dà un’occhiata alle mail, invece di parlare con lui.  Giulio è affascinato dall’esultanza di un calciatore che apre le braccia senza fare nient’altro, se ne sta in disparte, si sente spaesato e vive in uno stato d’ansia perenne. Gli altri, ai suoi occhi, sono diventati troppo ingombranti.  Ricorda suo padre che parlava poco e lavorava molto, e che quand’era piccolo gli aveva dato uno schiaffo perché in un discorso aveva usato troppe volte la parola “io”. La mamma lo rassicurò che “io” non era una parolaccia. 

In queste pagine conosciamo il mondo che ci circonda, un mondo che cambia e che non finisce mai di cambiare, (non so se in meglio o in peggio) e soprattutto riconosciamo noi stessi. 
Quando insieme alziamo lo sguardo ci diciamo: “Ognuno Potrebbe”…  Che cosa potrebbe? Migliorare.