Promozione Umana

X un sì alla vita

Basta brutalità in Siria e in Iraq

« back Notizie | L'opinione di Don Chino

opinione isis

L’ ISIS si manifesta con la violenza e la brutalità delle sue azioni.  Già in passato lo Stato Islamico aveva diffuso video molto violenti e aveva pubblicizzato le punizioni riservate a chi compie un reato, tra cui le crocifissioni e le amputazioni delle mani. Alcuni giornalisti hanno scritto che le “atrocità dell’ISIS provocheranno la distruzione del gruppo”, perché le reazioni dei paesi arabi saranno dure e intense. Alcuni analisti che si occupano di ISIS da diversi anni la pensano però in modo diverso. Credono che ci sia una logica dietro quella violenza, cercata e voluta dai miliziani e da cui dipende la sopravvivenza stessa dello Stato Islamico. 

L’Isis, a parere di molti opinionisti, sta cercando di sviluppare una teoria di jihad separata dai concetti base dell’islam. Questa teoria, include l’idea di una lotta costante tramite azioni particolarmente brutali, anche contro musulmani, per arrivare alla “purificazione del mondo musulmano. Si pensa quindi che quando l’ISIS pubblicizza le sue azioni brutali, il suo obiettivo è far infuriare e suscitare orrore nei suoi nemici, creare divisioni all’interno della coalizione che lo combatte e di coinvolgere sempre più paesi nella guerra. 

La tesi detta e ripetuta che dovrebbe essere il mondo mussulmano a ribellarsi a tanta crudeltà, sembra non abbia riscontri, perché anche i mussulmani moderati, a parole, affermano di disapprovare tanta brutalità, ma poi mancano precise prese di posizioni politiche e religiose. Si pensa quindi che tale violenza sia, in un certo senso, premiata dai mussulmani con atteggiamenti attendisti. In altre parole, stanno aspettando i vantaggi che il radicalismo islamico possa ottenere nel mondo.  

Papa Francesco fa sentire la sua sofferenza di fonte a tanta crudeltà. "Non cessano, purtroppo, - ha detto il Papa dopo l'Angelus - di giungere notizie drammatiche dalla Siria e dall'Iraq, relative a violenze, sequestri di persona e soprusi a danno di cristiani e di altri gruppi. Vogliamo assicurare a quanti sono coinvolti in queste situazioni che non li dimentichiamo, ma siamo loro vicini e preghiamo insistentemente perché al più presto si ponga fine all'intollerabile brutalità di cui sono vittime. Chiedo a tutti, secondo le loro possibilità, di adoperarsi per alleviare le sofferenze di quanti sono nella prova, spesso solo a causa della fede che professano.” 

Le preghiere di papa Francesco servono per togliere tanto odio dalla mente dei guerrieri dell’Isis? Noi credenti abbiamo l’arma della preghiera e la certezza che la sofferenza dei giusti sale fino a Dio.