Promozione Umana

X un sì alla vita

Decalogo per far crescere un figlio fragile

« back Notizie | Pensaci Su...

1. Accontentatelo in tutto, lui è l’erede dei vostri beni. Anche i nonni, gli zii e i paranti diano tanti regali e soldi a questo bamboccio che si prepara a infoltire l’esercito dei vitelloni. Crescerà con la convinzione che la vita è una divertente avventura. Se poi sarà annoiato, stravaccato sul divano per ore e ore con il telecomando in mano, non lamentatevi: il figlio deficiente s’alleva in famiglia.

2. Non dargli nessuna formazione morale: l’onestà, l’impegno scolastico, l’altruismo, il rispetto, il bene sono un bagaglio dei ragazzi cresciuti in famiglie bigotte. Nella nostra società, vale chi è furbo, sgomita il vicino, vende ovunque la propria immagine, si prostituisce per fare successo. I media sanno come fabbricare tuo figlio, basta che tu glielo affidi.

3. Se si fa servire la colazione a letto, digli che va bene così e che il tuo amore non ha limiti. Il suo letto sia da te rifatto, i vestiti in ordine, il pranzo pronto, i soldi nel portafoglio. Portategli anche lo zainetto con i libri a scuola, il peso potrebbe causargli fatica, troppa fatica. Quando sbuffa o si lamenta, ti aggredisce, certamente ha qualche problema: tu coprilo di coccole!

4. Litiga con tuo marito, tua moglie davanti a lui, crescerà con l’idea che i suoi genitori non si vogliono bene e che il matrimonio non sa da fare, meglio avventure erotiche, brevi soprattutto. Confidagli pure le tue avventure erotiche, i tradimenti: lui sa capirti, sempre! Ciò che conta per una donna o un uomo è consumare tante emozioni per poi averne di nuove: non è così?

5. Fallo sentire speciale, pronto a incolpare sempre gli altri dei suoi errori e bravate. Non deve avere nessun senso di colpa. Anzi, suggeriscigli, per la sua riuscita nella vita, di prevalere sugli altri, di essere il primo, il più forte.  Qualora poi commettesse una trasgressione, un reato, trova i colpevoli, lui non può aver commesso quell’azione, la sua famiglia è ritenuta da tutti normale.   

6. Dagli i soldi che ti chiede, non deve trovarsi a disagio con gli amici. Chiedigli sempre se sono sufficienti per quella serata o vacanza. E se non fossero, non puoi dimostrarti taccagno, sentirti dire dal cocco che pensi solo a te stesso. Lui, non ha l’età per conoscere il valore dei soldi. Un giorno, se i soldi non gli saranno sufficienti, cercherà di averli comunque: immagina come!

7. Non correggere i suoi errori, ne risentirebbe la sua immagine. Dopo tutto, il male è soggettivo, perché reprimere i suoi bisogni? Solo i bigotti, del resto, educano al bene perché vogliono che il figlio cresca in età e in grazia, soprattutto davanti agli altri. Non sentirti nemmeno responsabile del suo futuro: tu l’hai solo lasciato libero, liberissimo di crescere, come voleva.

8. Prevalga con i compagni più deboli, derida gli anziani, danneggi la roba altrui, riprenda con il telefonino sé e gli altri in atteggiamenti osceni: penserà di essere un dio. Fa pure sapere al tuo bullo che sei orgoglioso di lui perché sa farsi valere, è un leader, eccelle nel gioco, colleziona i flirt, è cercato da lui, da lei. Vive da imbecille, ma questo poco importa. 

9. Nella sua stanza, ci sia il video e la tastiera del computer, se vuoi che il suo tempo libero non sia vuoto. Gli basta telecomando o dalla tastiera per comunicare, spaziare.  I villaggi virtuali diverranno la sua dimora, tanto che s’allontanerà sempre di più da quelli reali: casa, scuola, quartiere.  E tu genitore, sii per lui un fan, un tifoso, durante questa fuga.

10. Digli che la vita va dalla culla alla tomba e che non serve cercare Qualcuno e rispondere al senso di questi giorni che scorrono. E’ una fiaba per piccoli fargli pensare che la vita ha un origine, una meta.  Ciò che conta è afferrare ogni attimo che fugge e riempirlo di soldi, cose e piacere. Sei tu un maestro del nulla eterno. Tuo figlio sarà come un uccello che vorrà volare, ma con un’ala soltanto.