Promozione Umana

X un sì alla vita

Le vacanze, tempo di riposo

« back Notizie | L'opinione di Don Chino

E' bello osservare le persone che dedicano tempo alla propria vita con momenti di silenzio e di riposo. Mi piace, osservare quelli che camminano sui sentieri che costeggiano un torrente, quelli che calpestano i ciottoli di una mulattiera e chi si mette in cammino per raggiungere un rifugio ai piedi di un ghiacciaio. C’è chi osserva che non si tratta di riposo, ma di passione. La natura con il suo fascino ritempra il corpo e lo spirito. Non mancano quelli che stanno sotto l'ombrellone con il giornale in mano o un libro per "nutrire" la mente con qualche idea in più.  Negli alberghi, per le strade dei luoghi turistici, sulle spiagge, le conversazioni si susseguono e le parole abbondano. Ognuno cerca il modo di non ridursi a qualcosa lì depositato su una sdraio o su un prato erboso. Di qui la smania di parlare di lavoro, del marito che occupa un posto di prestigio in politica o nell'azienda, della figlia che si è da poco fidanzata con un tipo eccezionale, della suocera che non smette mai di ficcare il naso dappertutto, del prete della parrocchia che non sa fare con i giovani. In poche settimane di meritato riposo, le signore e anche i signori, svuotano il sacco e lo riempiono di notizie nuove. Sarà forse l'effetto del sole, della brezza montana, del relax, dei vuoti interiori da riempire, ma certamente si tratta pure di un bisogno di rifare la mappa mentale con volti diversi, paesaggi gradevoli. I momenti di riposo sembra che la persona sia più attenta, sensibile, simpatica.   

Tutto serve   

Le chiacchiere delle vacanze certamente servono per smaltire quella patina di monotonia che durante l'anno si attacca alla mente e determina comportamenti ripetitivi. Sono sempre più convinto che il "mercato" dell'immagine, in questi giorni di relax, non conosce limiti, intoppi, flessioni. Tutti abbelliamo la nostra immagine con tocchi saccenti ed espressioni da bullo.   Applichiamo al nostro "prodotto" ogni qualità fisica, psichica e morale. Se ciò è necessario per darsi una spintarella d’ottimismo, avvenga pure.  Basta però non trasformare le vacanze in una fiera in cui sono esposte le nostre qualità fisiche rifatte e le virtù solo apparenti. Si fa presto a mettersi in vetrina per trovare qualche acquirente disponibile a rinverdire i nostri vissuti  appassiti. C’è chi afferma che le vacanze servono a verificare i propri sentimenti, a capire se una storia affettiva sta ancora in piedi o no. Ben avvenga questa verifica, all'interno della coppia però. Se invece le "corna" sono legittimate, le cose cambiano.  Sono molte le persone che si buttano in nuove avventure affettive durante le vacanze. Le occasioni non mancano, ma il buon senso sì…   

Riposo e avventure   

Sarà bene sempre ricordare che le emozioni abbondano in un ambiente nuovo, e proliferano in certe situazioni psichiche e fisiche.  L’avventura, negli ambienti di divertimento si presenta come unica, straordinaria, insomma appetibile… Tutto può sembrare affascinante in certe circostanze in cui l’esibizionismo abbonda e le avventure pure.  Ma poi la vita d’ogni giorno ritorna e, quel miraggio estivo, svanisce.  Ne sanno qualcosa gli psicologi che dopo le vacanze, diventano consulenti degli illusi e poi delusi o di qualche donna o uomo che aveva confuso l'amore con un'avventura erotica… Le apparenze si vendono bene, la propria persona un po’ meno.   

Un invito a vivere insieme   

Durante questo relax, impariamo a coltivare e conoscere dunque i sogni e le speranze nostre e altrui, diventa per tutti un impegno, una specie di sfida per vivere e crescere insieme. Manifestiamo quindi i nostri desideri, senza la paura di trovarci di fronte a persone con ideali e sogni diversi, contrastanti. La diversità dei sogni e la contrapposizione degli stessi assicurano la crescita, la dinamicità del rapporto. E' bello trovarci e confrontarci e, ognuno di noi, sostenere idee e speranze diverse per promuovere valutazioni più complete e ricevere nuovi stimoli. Le motivazioni trovano origine e sviluppo proprio in ambiti in cui le persone mettono insieme i loro propositi e desideri anche contrastanti. Cerchiamo quindi, in questo tempo di riposo, di conoscere e valorizzare il potenziale umano delle attese, di mettere nel nostro immaginario una nuova carica d’ideali possibili, solo in questo modo la convivenza sarà più forte e sicura.