Promozione Umana

X un sì alla vita

Dallo Svago alla Schiavitù

« back Notizie | In punta di penna

Il giocatore patologico mostra una crescente dipendenza nei confronti del gioco d’azzardo, aumentando la frequenza delle giocate,

Il tempo passato a giocare, la somma spesa nel vano tentativo di recuperare le perdite e finendo con l’investire al di là delle proprie possibilità economiche a scapito degli impegni quotidiani

Gli stessi ex tossicodipendenti o ex alcolisti sono spesso affezionati al gioco d’azzardo. Qualche tempo fa al Centro d’Ascolto venne a trovarmi un ex tossico.

Daniele mi assicurava che dopo il trattamento comunitario non aveva più fatto uso di nessuna sostanza, fino a quando non subentrò la dipendenza per il gioco.

Diverse volte incontro soggetti dipendenti sia dal gioco d’azzardo che dalle droghe o alcol.

Gioco d’azzardo e droga

Le dipendenze formano spesso una rete articolata, una catena da cui le persone non riescono a liberarsi.

In altre parole, una dipendenza ne chiama altre.

Il giocatore d’azzardo si serve di alcune sostanze stupefacenti e alcoliche per ampliare la sua eccitazione nella sfida fra lui e le slot.

I tossico-dipendenti e gli ex-tossici non devono moltiplicare la dipendenza con il gioco d’azzardo.

Le slot danno le stesse sensazioni, eccitazioni e ansie che si ricevono dalle droghe o dall’abuso d’alcol.

La dipendenza dalle sostanze stupefacenti, dall’alcol e dal gioco patologico è strettamente correlata.

La base neuro-fisiologica, infatti, è la stessa.

Il connubio delle dipendenze

Ho partecipato a un convegno che aveva come tema il rapporto tra droga e gioco d’azzardo.

L’esperto mostrò sul grande schermo alcune tabelle, incrociando i dati sull’uso di stupefacenti in Italia (relativi al 2012-2013) con quelli concernenti la frequenza di gioco.

Per chi non ha mai giocato, è stato rilevato un uso di sostanze limitato al 3% dei casi, mentre per chi gioca tutti i giorni, il ricorso a stupefacenti sale al 12%.

Altri dati evidenziano che il giocatore patologico non si rassegna di fronte alle perdite e continua a giocare, abusando di alcol o facendo il “botto” di cocaina.

Il giocatore ex tossicodipendente, invece, gioca le prime partite senza far uso di sostanze o abuso di alcol.

Se perde, immediatamente riattiva la dipendenza alla sostanza.

La testimonianza di Daniele

“Sono un giocatore d’azzardo compulsivo e tossicodipendente. 

Le due dipendenze hanno in comune diversi sintomi. Anche per il gioco d’azzardo, come per la droga, il disturbo è progressivo.

Si manifesta attraverso la perdita di controllo e la ricerca di denaro per continuare a giocare.

Nonostante le conseguenze negative, si continua a giocare.

Lo stato di euforia e di eccitazione durante il gioco è paragonabile a quello prodotto dalle droghe.

Quando non uso sostanze stupefacenti, si manifesta la crisi d’astinenza con ansia, sudorazione e nausea, vomito e tachicardia.

La stessa crisi accade quando non posso giocare. Spesso mi drogo e dopo gioco o gioco e poi mi drogo.

C’è un richiamo reciproco tra sostanze e gioco”.

Un richiamo importante

Ciò che ha scritto Daniele mi ha fatto riflettere.

I giovani e gli adulti vanno informati per far comprendere che la dipendenza dal gioco d’azzardo ne facilita altre.

Tutte le associazioni o organizzazioni devono esprimere la loro opinione e dare consigli e indicazioni, in modo da poter costruire quelle linee di indirizzo utili alla prevenzione e repressione di una dipendenza killer per l’individuo e per le famiglie stesse.

È una battaglia che si può vincere solo se l’intera società si mobilita ed è chiaro che gli interessi di qualcuno non possono essere superiori a quelli della società e della comunità in generale. Bisognerebbe mettere insieme tutte le forze sociali, politiche ed educative per analizzare il disagio e depotenziare l’offerta, ma soprattutto far venir meno la domanda. 

Il modo più efficace parte da progetti educativi che aiutino a riflettere, a compiere scelte il più possibile compatibili con una vita regolare, fondata sulla sobrietà